A.P.S. Controvento, propietario del sito www.municipio13.it, per offrirti una migliore esperienza digitale su questo sito, utilizza cookie di "terza parte", ovvero cookie statistici di tipo analitico inviati da Google Inc. nell'ambito del servizio di analisi statistiche in forma aggregata denominato Google Analitycs. La prosecuzione della navigazione comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie.Procedendo con la navigazione, dunque, ci autorizzi a memorizzare e ad accedere a tali cookie sul tuo dispositivo. 
Se vuoi saperne di più, clicca qui, se non accetti ti preghiamo di chiudere questa finestra del tuo browser. 


periodico di informazione locale

Mamma o papà

mamma o papaValeria e Nicola sono pronti a divorziare, d'accordo su tutto, e si preparano a comunicare la loro scelta ai tre figli: un adolescente no global, una pre-teen incollata allo smartphone e un piccolo nerd, tutti egualmente ostili nei confronti degli imbelli genitori. Ma quando viene accettata la richiesta di Nicola di esercitare la sua professione di ginecologo in Mali per sette mesi e contemporaneamente a Valeria, ingegnere edile, viene offerto un trasferimento in Svezia di analoga durata, quella che era una trattativa civile si trasforma in una lotta all'ultimo sangue non già per ottenere la custodia dei figli, bensì per rifilarla all'altro, e partire verso l'estero in tutta libertà. 
Mamma o Papà non decolla perché rincorre non uno ma due prototipi stranieri (Papa ou Maman e La guerra dei Roses), perdendo di vista la realtà specificamente nazionale. I problemi cominciano in sceneggiatura. Risulta ad esempio difficile capire perché Valeria non possa portare con sé in Svezia i ragazzi per un periodo di meno di un anno, non perché in quanto madre sia automatico che sia lei a prendersi cura della prole, ma perché in Svezia crescere i figli, anche da single, è reso molto più semplice che da noi. I figli, inizialmente villani e strafottenti, si trasformano inspiegabilmente in vittime imbelli non appena inizia la guerra per liberarsi di loro. I personaggi di contorno, fondamentali in una commedia, sono appena accennati e privi di un vero arco narrativo: la coppia degli amici, l'infermiera, il collega di Valeria, l'improbabile giudice sempre disposta a dare ascolto alla coppia (in Italia le consensuali si concordano con l'avvocato, non direttamente con il magistrato). Si salva solo il nuovo boss dell'ingegnera grazie alla bravura istrionica di Carlo Buccirosso, che ci fa (quasi) credere alle contorsioni laocoontiche del suo personaggio. 
Risulta infine quasi impossibile accettare, soprattutto in Italia, l'ipotesi che due genitori si accaniscano sui propri figli e combattano per liberarsene (mentre è ahimé perfettamente credibile che combattano fino alla morte per l'affido, o che mettano i figli contro l'ex). Quand'anche fosse credibile, è difficile accettarlo come premessa comica, perché rimanda a certe violenze domestiche da cronaca nera sulle quali c'è ben poco da scherzare: non è un caso che la ferocia de La guerra dei Roses non coinvolgesse mai direttamente i minori. Ma se Mamma o Papà fa poco ridere il problema non è solo di sostanza, è anche di forma. La regia di Riccardo Milani sembra infatti indecisa fra il tono e il passo da scegliere, si muove a disagio fra personaggi e scene poco credibili, in una città del veneto che, invece di essere efficace teatro di crudeli dinamiche di provincia (come in Signori e signore), diventa sfondo asettico di ibridazione internazionale. Anche la recitazione rimane in superficie, non veicola sentimenti autentici, o anche solo autentiche frustrazioni. Paola Cortellesi, coautrice della sceneggiatura insieme a Giulia Calenda e a Milani, sembra fuori parte nella versione acida di Valeria: le mancano quella ferocia dolorosa e quella malizia perversa che caratterizzavano la Barbara Rose di Kathleen Turner, così come Antonio Albanese non ha il pelo sullo stomaco e la tracotanza "virile" di Michael Douglas nei panni di Oliver Rose. Per proseguire nel parallelo con La guerra dei Roses, ispirazione evidente anche per Papa ou Maman, Milani non mostra il cinismo sulfureo di Danny De Vito, anzi tende a smussare gli angoli e ad ammorbidire le asperità. Posto che la premessa per cui due genitori sarebbero disposti a vittimizzare i figli per perseguire i propri interessi ha poche speranze di far sorridere il pubblico nostrano, una volta compiuta quella scelta bisognava portarla fino in fondo, e soprattutto scegliere fra satira italiana, farsa francese e black comedy anglosassone, mantenendo quella unità di ritmo comico e quella coerenza narrativa che purtroppo qui mancano.
the-war-il-pianeta-delle-scimmie

The WAR il pianeta delle scimmie

Nonostante la morte di Koba, la guerra scatenata da questi tra le scimmie e gli umani procede senza sosta. I soldati americani, guidati dal Colonnello, vogliono catturare Cesare, geniale condottiero dei...
mamma-o-papa

Mamma o papà

Valeria e Nicola sono pronti a divorziare, d'accordo su tutto, e si preparano a comunicare la loro scelta ai tre figli: un adolescente no global, una pre-teen incollata allo smartphone e un piccolo nerd,...
l-ora-legale

L'ora legale

Salvo e Valentino sono cognati e vivono a Pietrammare, paesino della Sicilia dove gestiscono insieme un chiosco sulla piazza principale. Il marito della sorella di Valentino, a sua volta sorella della...
sully-tom-hanks

Sully Tom Hanks

Il 15 gennaio 2009 un aereo della US Airways decolla dall'aeroporto di LaGuardia con 155 persone a bordo. L'airbus è pilotato da Chesley Sullenberger, ex pilota dell'Air Force che ha accumulato...
il-drago-invisibile

Il drago invisibile

Il drago invisibile, il nuovo live action firmato Disney pronto a far emozionare grandi e piccini. Portatrice di messaggi positivi – come l'amore verso il diverso e la salvaguardia dell'ambiente...
angry-birds

Angry Birds

Animazione, 97 min.   Angry Birds - Il Film Il film riesce nell'impresa di dare una vita narrativa autonoma ai personaggi del videogioco, offrendo una visione non scontata del sentimento della...
alice-attraverso-lo-specchio

Alice attraverso lo specchio

Dopo molto tempo passato a bordo della nave Wonderland, il capitano Alice Kingsleigh torna sulla terra ferma londinese, rigida e ottusa.  Alice, una sempre splendida Mia Wasikowska, lascerà...
nemiche-per-la-pelle-film-girato-castel-di-guido

Nemiche per la pelle: film girato Castel di...

Esce il 14 aprile 2016 Nemiche per la pelle, il fim di Luca Lucini, con Margherita Buy, Claudia Gerini, Giampaolo Morelli e Paolo Calabresi.L’8 luglio 2015 Castel di Guido fu il set del film...
batman-v-superman-dawn-of-justice

Batman V Superman: Dawn of Justice

Sin dalla sua rivelazione a Metropolis, quando salva la Terra da una minaccia ma causa molte vittime innocenti, Superman rappresenta un quesito per l'uomo: angelo custode o essere onnipotente impossibile...
lo-chiamavano-jeeg-robot-2

Lo chiamavano Jeeg Robot

Enzo Ceccotti non e nessuno, vive a Tor Bella Monaca e sbarca il lunario con piccoli furti sperando di non essere preso. Un giorno, proprio mentre scappa dalla polizia, si tuffa nel Tevere per nascondersi...
il-caso-spotlight

Il caso Spotlight

Ai "Boston Globe" nell’estate del 2001 arriva da Miami un nuovo direttore, Marty Baron. E’ deciso a far sì che il giornale torni in prima linea su tematiche anche scottanti, liberando...
the-danish-girl

The Danish Girl

Pittore paesaggista della Danimarca dei primi anni del '900 Einar Wegener ha vissuto due vite, la prima con una moglie a Copenhagen, e la seconda a Parigi come Lili Elbe. Infine ha tentato la prima...
perfetti-sconosciuti

Perfetti Sconosciuti

Quante coppie si sfascerebbero se uno dei due guardasse nel cellulare dell'altro? È questa la premessa narrativa dietro la storia di un gruppo di amici di lunga data che si incontrano per una cena...
l-abbiamo-fatta-grossa

L'abbiamo fatta grossa

Arturo e un investigatore privato così male in arnese da inseguire i gatti scappati dalle case altrui e da abitare presso una vecchia zia col mito del marito defunto. Yuri è un attore di...
la-corrispondenza

La Corrispondenza

Una giovane studentessa universitaria impiega il tempo libero facendo la controfigura per la televisione e il cinema. La sua specialità sono le scene d’azione, le acrobazie cariche di...
il-piccolo-principe

Il Piccolo Principe

Il piccolo principe è in questi giorni in sala, il film tratto dall’omonimo e celebre racconto di Antoine de Saint-Exupéry, testo che ha forgiato la fantasia e forse la malinconia di...
quo-vado

Quo Vado?

In “Cado dalle nubi” vi si trattava dei talent show. In “Che bella giornata” del terrorismo islamico globale. Mentre in “Sole a catinelle” una delle questioni...
star-wars-episodio-vii-il-risveglio-della-forza

Star Wars: Episodio VII Il risveglio della...

Luke Skywalker è scomparso. La mappa con il luogo in cui si è nascosto suscita l'attenzione di molti: di Primo Ordine, organizzazione paramilitare che si richiama all'Impero Galattico...
il-professor-cenerentolo

Il Professor Cenerentolo

Nonostante il fiorentino Leonardo Pieraccioni abbia inserito nel corrente film una comoponente vagamente favolistica e fiabesca, non tardiamo comunque ad accorgeci della quasi ormai totalmente sgonfia...
chiamatemi-francesco

Chiamatemi Francesco

Non è un santino. Non è neppure la vita di Papa Francesco prima del conclave decisivo, così come sono soliti raccontarla i film biografici. Però serve un attimo di pazienza, le...
il-sapore-del-successo

Il sapore del successo

Adam Jones è uno chef stellato che ha distrutto la sua carriera indulgendo nelle droghe, nel sesso e nel caratteraccio. Dopo aver espiato le sue colpe strofinando un milione di ostriche sotto i...
spectre

Spectre

La morte sfila per le strade di Città del Messico e dietro la maschera di un teschio. In missione per conto di M, la defunta M che gli ha lasciato un video e un incarico spinoso da risolvere, James...
matrimonio-al-sud

Matrimonio al sud

Un industrialotto settentrionale, Lorenzo Colombo (Massimo Boldi), e un pizzaiolo napoletano, Pasquale Caprioli (Biagio Izzo), scoprono che i loro rispettivi figli Teo (Luca Peracino) e Sofia (Fatima...
belli-di-papa

Belli di papà

Il film è la cronaca di una messinscena a fin di bene architettata da Vincenzo Liuzzi (Abatantuono), un ricco industriale milanese, figlio di emigrati pugliesi. Vedovo con tre figli tra i 20 e i 25...
hotel-transylvania-2-da-spazio-comico-a-un-amabile-galleria-di-personaggi-sgangherati

Hotel Transylvania 2: Mavis si sposa

Mavis la vampiretta e Jonathan l'umano si sposano presso l'hotel popolato da creature mostruose gestito dal Conte Drac, il padre di Mavis. Quando la coppia ha un figlio, Dennis, tutti si chiedono se...
taxi-teheran-taxi-di-jafar-panahi-iran-82-minuti-2014

Taxi Teheran (Taxi) di Jafar Panahi (Iran) 82...

Nonostante l'arresto nel 2010, per la sua partecipazione alle manifestazioni di protesta contro la rielezione di Mahmud Ahmadinejad e il successivo intervento delle autorità iraniane che lo hanno...